Daniel Abbruzzese - Terzo paesaggio e città: dal trauma al sogno

One - Architettura & Design

29-06-2023 • 18 min

Da qualche decennio la pianificazione dello spazio pare trovarsi in una fase di crisi, che investe in primo luogo l’attività dell’architetto stesso (come sintetizzato efficacemente da Cino Zucchi nel suo recente podcast).

È soprattutto nel contesto dello spazio urbano che viene alla luce questa indecisione: da una parte l’azione pare limitata alla gestione degli spazi in base ad attribuzioni funzionali e allo sviluppo demografico, dall’altra si notano interventi audaci, che intenderebbero, almeno inconsapevolmente, agire nella dimensione simbolica – dimensione che non può che riferirsi alle alterità assolute di storia e della natura. La città è insomma un fardello di esperienze e traumi vissuti da altri ed uno spazio opposto alla “natura”, un’astrazione a cui, si presume, l’essere umano è stato un tempo affine.

Al tempo stesso, all’uomo urbanizzato è comunque ben presente quanto la città sia innanzitutto metafora del suo Dasein. Non a caso, nel momento in cui l’essere umano si definisce principalmente come ente biologico, le metafore più ricorrenti riferite alla città sono di carattere biologico: un organismo che cresce in maniera tentacolare o radiale, innervato come un vegetale, che fagocita lo spazio circostante, afflitto da patologie simili a quelle del sistema nervoso o dell’apparato circolatorio. “Se proprio la città dev’essere messa in relazione con la fisiologia, più che a ogni altra cosa essa somiglia a un sogno”, così Joseph Rykwert nel suo saggio fondamentale L’idea di città, pubblicato da Adelphi nel 1976. Per quanto questa metafora possa sembrare forzata, essa ci invita ad un confronto con ciò che lo spazio urbano rappresenta storicamente e, soprattutto, simbolicamente. Il sogno ci ripresenta infatti la realtà cosciente in un ordine simbolico, in cui le aspirazioni sono più chiaramente riconoscibili. Non solo: il sogno è contiguo al trauma.

E, non a caso, la narrazione della nascita di ogni città antica si apre con un momento traumatico. Ne abbiamo un’immagine perfetta nel fratricidio che prelude alla nascita di Roma – e che ricorda da vicino l’assassinio di Abele da parte di Caino, ovvero colui che, prendendo possesso (dalla radice knh), decreta la fine di un’umanità dedita all’agricoltura e all’allevamento. Tuttavia, non è tanto l’avvicendamento di due società a dare origine alle leggende di una fondazione sanguinosa, quanto l’idea che il costruire sia una forzatura rispetto all’ordine naturale. Il sacrificio iniziale è dunque pensato come riparazione di questa rottura, così come la sua mitizzazione serve a renderlo presente alla coscienza, mondato dal suo carattere inquietante. Allo stesso modo, i richiami ad una rottura da ricomporre sono parte integrante dei rituali inaugurali e periodici che segnano l’esistenza della città nell’antichità.

Continua a leggere su One Magazine

Você pode gostar

Café com Deus
Café com Deus
RTM Brasil
Terapia Sonora Sound Therapy
Terapia Sonora Sound Therapy
QUENEDI DE SOUZA MARQUES SANTOS
Ilustríssima Conversa
Ilustríssima Conversa
Folha de S.Paulo
vinte mil léguas
vinte mil léguas
Livraria Megafauna
451 MHz
451 MHz
Quatro cinco um
Daria um livro
Daria um livro
Pedro Pacífico
Ler Antes de Morrer
Ler Antes de Morrer
Isabella Lubrano
Top Audiolivros Resumos
Top Audiolivros Resumos
Top Audiolivros Resumos
Copan: edifício em movimento
Copan: edifício em movimento
Pivô e Livraria Megafauna
Audiolivros da Dani
Audiolivros da Dani
Daniela Manger
Biblioteca em Áudio
Biblioteca em Áudio
Biblioteca Em Áudio
McCartney: A Life in Lyrics
McCartney: A Life in Lyrics
iHeartPodcasts and Pushkin Industries